You need Flash player 8+ and JavaScript enabled to view this video.

Castello e miniere abbandonate di Aymavilles

Il Castello di Aymavilles di epoca medioevale e le Miniere abbandonate di Pompiod: qui nella media Valle d'Aosta l'interesse naturalistico si unisce a quello storico e artistico. Questi siti sono da anni rifugio per diverse specie di Chirotteri. Per assicurare la tutela delle specie, non sono aperti al pubblico e non sono visitabili.

Naviga nel sito e scopri di più sulle riserve naturali e i parchi della Valle d'Aosta: su Vivavda troverai le descrizioni dettagliate per ogni area naturalistica, i sentieri suggeriti, le attività e le strutture ecosostenibili che aderiscono al progetto. 

Segui Vivavda anche su Facebook e su Youtube

Scoprire l'area

I pipistrelli amano scegliere come siti riproduttivi o di ibernazione anfratti, miniere e sottotetti, spesso di edifici storici. Questi luoghi assicurano la conservazione delle specie e non sono quindi adatti alla visita, sia perché spesso sono inaccessibili, sia perché il disturbo alle colonie può portare facilmente alla loro estinzione.

Come arrivare

Castello di Aymavilles: in auto

Il sito del castello di Aymavilles e delle miniere abbandonate è raggiungibile attraverso la strada regionale n. 47 per Cogne, in prossimità del Castello è presente un parcheggio per la sosta delle vetture.

Castello di Aymavilles: in autobus

Si può usufruire delle linee di autobus Aosta - Cogne e della linea urbana Aosta - Aymavilles. La Cattedrale di Aosta è localizzata all’interno dell’isola pedonale nel borgo storico della città.

Codifica dell'accessibilità del sito

Il sito attualmente non é predisposto alla visita, in nessuno dei tre settori che lo compongono.

cartina Castello e miniere abbandonate di Aymavilles

SIC SIC IT1205034

Comune: Aymavilles, Aosta

Superficie: 1,60 ha

Altitudine: 755 ÷ 850 m s.l.m.

Stazione forestale competente:
Aymavilles, Aosta

Attività nell'area

Nei luoghi amati dal Papa santo

Nei luoghi amati dal Papa santo
Una giornata alla scoperta dei luoghi cari a Giovanni Paolo II

punti di interesse limitrofi